All Tweets
Precedente:
Seguente:
A girl thinking

5.5 Come potrebbe, questo momento di dolore e sofferenza, portare a qualcosa di buono?

Vivi la tua fede in un momento di crisi

Il dolore e la sofferenza sono malvagi e completamente contrari all'amore e alla presenza premurosa di Dio. È nostro compito il combattere il male e il ridurre la sofferenza e il dolore delle persone intorno a noi, quando possiamo. La tua cura per un altro che soffre genera già un po' di bene. In questo modo, un momento di crisi può determinare una nuova prospettiva di amore altruistico. Ogni genuino atto di amore riflette l'amore perfetto di Dio. Quando le persone lavorano insieme per combattere il male, esse condividono quell'amore, anche se non ne sono consapevoli.

 

Anche Gesù ha sofferto molto. Sebbene - contrariamente alla maggior parte di noi - probabilmente Lui avrebbe potuto evitare la propria sofferenza personale, la accettò, per un bene più grande. Gesù ha offerto la propria vita, in modo che noi possiamo vivere. Lo ha fatto perché ama caramente ognuno di noi. Così, Lui ha dato un certo senso alla sofferenza: attraverso la Sua sofferenza, Egli ci ha dato un futuro! Pertanto, anche San Paolo era felice di soffrire, perché ciò lo faceva sentire parte della sofferenza salvifica di Gesù. Anche tu puoi chiedere alla grazia di Dio di essere abbastanza forte da offrire il tuo inevitabile dolore e la tua sofferenza a Gesù, unendoti a Lui nella Sua sofferenza, desiderando di unirti a Lui anche nella Sua risurrezione alla vita eterna.

 

L'aiuto disinteressato ai bisognosi è un gran bene, nella lotta contro il male. Nella tua sofferenza, sei unito a Gesù, che ha sofferto sulla croce.