All Tweets
Precedente:
Seguente:
Hands resting on prison bars

5.13 La sofferenza globale o crisi è una punizione di Dio?

Dio e disastro

Soprattutto nei libri dell'Antico Testamento della Bibbia, potresti leggere dell'ira di Dio, che a volte sembra mandare eserciti per distruggere interi popoli. Spesso, si pensa che questi episodi parlino più della lotta spirituale contro il male, che di guerre storiche. Ad ogni modo, qualunque sia l'interpretazione di questi tristi testi dell'Antico Testamento, abbiamo Gesù, che è venuto a rivelarci il vero volto di Dio: quello di un Padre amorevole. E un Padre veramente amorevole non sottoporrebbe mai i suoi figli a terribili sofferenze! Guarda cosa fece

Gesù: invece di farci soffrire le conseguenze dei nostri peccati, offrì la propria vita con grande sofferenza, affinché potessimo essere perdonati dai nostri peccati!

Giovanni lo disse sinteticamente: "Dio è amore!" (1Gv 4:8). Amore e sofferenza globale sono due opposti che non possono andare d’accordo. In uno dei momenti più drammatici della sua vita, durante l'Ultima Cena, prima di soffrire e morire sulla croce, Gesù disse: “Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche gli uni gli altri” (Gv 13:34). Ci sono delle spiegazioni all'esistenza del male nel mondo. Se vissuta con Gesù, la sofferenza può avere un senso preciso, ma il male non è né creato e né voluto da Dio.

Questa non è una punizione di Dio: ora, Lui sta soffrendo con noi! Gesù ha mostrato che Dio è amore e ha persino sofferto al posto nostro; quindi, noi non dovremmo soffrire.