All Tweets
Precedente:
Seguente:
laborant

4.27 Cosa c’è che non va nei test prenatali?

Vita umana

I test prenatali vengono fatti prima della nascita. Il loro scopo è scoprire già nell’utero materno se il bambino ha problemi o disabilità congenite. Questo è positivo ed importante se lo scopo è fornire un possibile trattamento medico e la cura del bambino.

Il rischio per il feto non dovrebbe essere eccessivo: questa giovane vita ha diritto a tutta la protezione che possiamo dargli! Perciò è assolutamente sbagliato che i test prenatali vengano eseguiti per permettere ai genitori di optare per un aborto.

> Leggi di più nel libro

I test prenatali vanno bene se il loro scopo è aiutare il bambino; lo scopo non deve mai essere di determinare se abortire.

La saggezza della Chiesa

Si può provocare l’aborto in caso di malformazioni?

No. Praticare l’aborto quando un bambino presenta un handicap è sempre un grave delitto, anche quando deriva dall’intenzione di risparmiare sofferenze successive a questa persona. [Youcat 384]    

Si possono condurre esperimenti su embrioni viventi o su cellule staminali embrionali?

No. Gli embrioni sono esseri umani, perchè la vita umana inizia con l’unione di uno spermatozoo e di un ovulo.

Considerare gli embrioni come materiale biologico, “produrli” ed “usare” le loro cellule staminali per scopi di ricerca è assolutamente immorale e ricade sotto il divieto di uccidere. Da giudicare diversamente sono le ricerche su cellule staminali adulte, poiché esse non possono svilupparsi fino a diventare esseri umani. Interventi medici sull’embrione sono giustificabili solo a scopo terapeutico, in modo che venga garantita la vita e lo sviluppo incolume del bambino, e se il rischio dell’intervento non è troppo elevato. [Youcat 385]

La parola del Papa

Una speciale attenzione deve essere riservata alla valutazione morale delle tecniche diagnostiche prenatali, che permettono di individuare precocemente eventuali anomalie del nascituro... Quando sono esenti da rischi sproporzionati per il bambino e per la madre e sono ordinate a rendere possibile una terapia precoce o anche a favorire una serena e consapevole accettazione del nascituro, queste tecniche sono moralmente lecite.. Ma... accade non poche volte che queste tecniche siano messe al servizio di una mentalità eugenetica, che accetta l'aborto selettivo, per impedire la nascita di bambini affetti da vari tipi di anomalie. Una simile mentalità è ignominiosa e quanto mai riprovevole. [Papa Giovanni Paolo II, Evangelium Vitae, 63]