Tutti Tweets
prev
Precedente:3.25 Che cosa significano questi gesti, segni e colori?
next
Seguente:3.27 Che genere di feste ci sono nel corso dell’anno?

3.26 La Chiesa ha un suo calendario?

Liturgia

L’anno ecclesiastico inizia quattro domeniche prima del Natale, quando celebriamo la nascita di Gesù. Nell’anno ecclesiastico o liturgico, come credenti condividiamo i più importanti momenti della vita di Gesù. Si dà anche attenzione ad alcuni giorni di festa che onorano Maria e altri santi.

La Domenica è il giorno più importante della settimana perchè Gesù è risorto dai morti di domenica. Per questo la chiamiamo anche il ‘giorno del Signore’. Alla domenica tutti siamo chiamati ad andare in chiesa, se possibile, così da pregare insieme e celebrare l’Eucarestia.

 

L’anno liturgico inizia quattro domeniche prima di Natale. Le feste comprendono le solennità importanti, le feste & le memorie.
La saggezza della Chiesa

Che cos’ l’anno liturgico (o ecclesiatico)?

L’anno liturgico, o anno ecclesiastico, è la sovrapposizione dei misteri della vita di Cristo—dall’Incarnazione fino al suo ritorno nella gloria—al corso normale dell’anno. L’anno liturgico inizia con l’Avvento, il tempo dell’attesa del Signore, e tocca il suo primo vertice con il ciclo delle festività natalizie, e il suo secondo e ancor più importante vertice nella festa pasquale della passione redentrice, della morte e risurrezione di Cristo. Il tempo pasquale termina con la festa di Pentecoste, la discesa dello Spirito Santo sulla Chiesa. L’anno liturgico è intessuto dalle feste del Signore, di Maria e dei santi, nelle quali la Chiesa loda la grazia di Dio, che ha portato l’umanià a salvezza. [Youcat 186]

Qual è il centro del tempo liturgico?

Il centro del tempo liturgico è la domenica, fondamento e nucleo di tutto l'anno liturgico, che ha il suo culmine nella Pasqua annuale, la festa delle feste. [CCCC 241]

Qual è l’importanza della domenica?

La Domenica è il centro del tempo cristiano in cui celebriamo la risurrezione di Cristo, e ogni domenica è una piccola Pasqua.

Se la Domenica viene trascurata o abolita, tutti I giorni sono solo lavorativi. L’uomo, che è stato creato per la gioia, diventa così un animale da lavoro e potenzialmete asservito al consumismo. Sulla terra dobbiamo imparare a celebrare la domenica come si deve, altrimenti non sapremmo come nascere alla vita del cielo, dato che in cielo c’è solo una domenica senza fine. [Youcat 187]

La parola del Papa

La via privilegiata per essere introdotti nel mistero della salvezza attuata nei santi «segni» resta poi quella di seguire con fedeltà lo svolgersi dell'Anno liturgico. I Pastori si impegnino in quella catechesi «mistagogica», tanto cara ai Padri della Chiesa, che aiuta a scoprire le valenze dei gesti e delle parole della Liturgia, aiutando i fedeli a passare dai segni al mistero e a coinvolgere in esso l'intera loro esistenza. [Papa Giovanni Paolo II, Mane nobiscum Domine, n. 17]