All Tweets
Precedente:
Seguente:

3.27 Che genere di feste ci sono nel corso dell’anno?

Liturgia

L’anno liturgico inizia con l’Avvento e il tempo di Natale. La Quaresima è un periodo di digiuno e preparazione per la festa importantissima che celebriamo a Pasqua, cioè la risurrezione di Gesù . Il tempo di Pasqua termina dopo l’Ascensione, a Pentecoste.

Nel Tempo ordinario (il resto dell’anno liturgico) siamo invitati a imparare a vivere sempre di più come figli di Dio, dopo aver celebrato le più grandi feste che hanno come centro Gesù. Ci sono anche feste che onorano Maria, i santi e gli angeli. L’ultima Domenica del’anno liturgico celebriamo la festa di Cristo Re. il regno di Dio non si basa tanto su leggi, quanto sull’amore.

> Leggi di più nel libro

Ci sono molte feste che celebrano Gesù, gli angeli, Maria e gli altri santi. Esse ci aiutano a dar gloria a Dio con la nostra vita.

La saggezza della Chiesa

Che cos’ l’anno liturgico (o ecclesiatico)?

L’anno liturgico, o anno ecclesiastico, è la sovrapposizione dei misteri della vita di Cristo—dall’Incarnazione fino al suo ritorno nella gloria—al corso normale dell’anno. L’anno liturgico inizia con l’Avvento, il tempo dell’attesa del Signore, e tocca il suo primo vertice con il ciclo delle festività natalizie, e il suo secondo e ancor più importante vertice nella festa pasquale della passione redentrice, della morte e risurrezione di Cristo. Il tempo pasquale termina con la festa di Pentecoste, la discesa dello Spirito Santo sulla Chiesa. L’anno liturgico è intessuto dalle feste del Signore, di Maria e dei santi, nelle quali la Chiesa loda la grazia di Dio, che ha portato l’umanià a salvezza. [Youcat 186]

La parola del Papa

Dopo il tempo pasquale, concluso domenica scorsa con la Pentecoste, la Liturgia è ritornata al “tempo ordinario”. Ciò non vuol dire però che l’impegno dei cristiano debba diminuire, anzi, entrati nella vita divina mediante i Sacramenti, siamo chiamati quotidianamente ad essere aperti all’azione della Grazia, per progredire nell’amore verso Dio e il prossimo. [Papa Benedetto, Angelus, 30 maggio 2010]