All Tweets
Precedente:
Seguente:
krottenwijk

4.45 La dottrina sociale della Chiesa si preoccupa dei poveri?

Società e comunità

Ogni essere umano è creato da Dio e merita la nostra cura e il nostro amore. La base per molto del lavoro sociale della Chiesa nei secoli è stata la speciale attenzione di Gesù per poveri, gli indifesi, le persone sole e malate e tutti quelli che avevano bisogno di aiuto.

Gesù chiama anche noi a prenderci cura del prossimo. Questo principio è il fondamento della dottrina sociale della Chiesa, che può essere ricondotta a Gesù stesso. In ogni epoca gli stessi principi della carità hanno dovuto essere applicati in modi diversi. L’attenzione alla dignità umana e all’equa distribuzione della ricchezza e del lavoro continuano ad essere necessari.  

> Leggi di più nel libro

L’amore fraterno diventa concreto attraverso la dottrina sociale della Chiesa. Esso si basa su dignità umana, solidarietà e sussidiarietà.

La saggezza della Chiesa

Qual è il contenuto della dottrina sociale della Chiesa?

La dottrina sociale della Chiesa, quale sviluppo organico della verità del Vangelo sulla dignità della persona umana e sulla sua dimensione sociale, contiene principi di riflessione, formula criteri di giudizio, offre norme e orientamenti per l'azione. [CCCC 509]

Perché la Chiesa Cattolica ha una sua Dottrina sociale?

Poiché tutti gli uomini, come figli di Dio, possiedono una dignità unica, la Chiesa, con la sua Dottrina sociale, si impegna a difendere e promuovere questa dignità umana per tutti gli uomini nella sfera sociale. Non cerca di ostacolare la libertà legittima della politica o dell’economia. Quando tuttavia la dignità umana viene violata nella politica o nelle pratiche economiche la Chiesa deve intervenire.

“Le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini d'oggi, dei poveri soprattutto e di tutti coloro che soffrono, sono pure le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce dei discepoli di Cristo (Concilio Vaticano II, GS). Nella sua Dottrina sociale, la Chiesa concretizza questa affermazione. E si chiede: come possiamo assumerci la responsabilità del benessere e di un giusto trattamento per tutti, anche dei non cristiani? Come deve essere una organizzazione giusta della società umana, delle istituzioni politiche, economiche e sociali? Nel suo impegno per la giustizia la Chiesa è guidata da un amore che imita l’amore di Cristo per l’umanità. [Youcat 438]

La parola del Papa

La carità è la via maestra della dottrina sociale della Chiesa. Ogni responsabilità e impegno delineati da tale dottrina sono attinti alla carità che, secondo l'insegnamento di Gesù, è la sintesi di tutta la Legge (cfr Mt 22,36-40). Essa dà vera sostanza alla relazione personale con Dio e con il prossimo; è il principio non solo delle micro-relazioni: rapporti amicali, familiari, di piccolo gruppo, ma anche delle macro-relazioni: rapporti sociali, economici, politici. Per la Chiesa — ammaestrata dal Vangelo — la carità è tutto. [Pope Benedict, Caritas in Veritate, n. 2]