All Tweets
Precedente:
Seguente:

1.9 È logico credere? Posso fare domande?

Creazione o coincidenza?

Porsi domande è essenziale, perché così si pensa intorno alla fede. Facendoti domande puoi penetrare più profondamente nella verità della fede e acquistare maggior comprensione del significato dell’amore di Dio per te.

Il centro della fede cristiana può essere capita solo riflettendo sull’amore di Dio per ogni essere umano. Noi possiamo conoscerlo parzialmente attraverso ciò che lui ci mostra di sé (questo si chiama rivelazione). Nondimeno, alcune domande resteranno senza risposte perché nessuna risposta può mai definire Dio completamente. Dio è sempre più grande!

> Leggi di più nel libro

Le tue domande rivelano cosa pensi di Dio. Quindi, puoi comprendere la logica della fede con la tua testa, e sperimentare Dio nel tuo cuore.

La saggezza della Chiesa

Perché nell'uomo c'è il desiderio di Dio?

Dio stesso, creando l'uomo a propria immagine, ha iscritto nel suo cuore il desiderio di vederlo. Anche se tale desiderio è spesso ignorato, Dio non cessa di attirare l'uomo a sé, perché viva e trovi in lui quella pienezza di verità e di felicità, che cerca senza posa. Per natura e per vocazione, l'uomo è pertanto un essere religioso, capace di entrare in comunione con Dio. Questo intimo e vitale legame con Dio conferisce all'uomo la sua fondamentale dignità. [CCCC 2]

Perchè cerchiamo Dio?

Dio ha messo nei nostri cuori un desiderio di cercarlo e trovarlo. S. Agostino dice: “Ci hai fatto per te, e il nostro cuore è inquieto finchè non riposa in te.” Chiamiamo questo desiderio di Dio religione.

È naturale per l’uomo cercare Dio. Tutto il nostro sforzo di ricerca di verità e felicità è in fondo una ricerca di colui che ci sostiene davvero, ci soddisfa completamente, e ci prende completamente a suo servizio. Una persona non è completamente se stessa finchè non ha trovato Dio. “Chiunque cerca la verità cerca Dio, che se ne renda conto o no.” (S. Edith Stein). [Youcat 3]

La parola dei Padri della Chiesa

Nel sistema cristiano si scoprirà che c’è, per non parlare affatto in modo arrogante, almeno così tanta ricerca su questioni del credere, e di spiegazione di detti oscuri, che si incontrano negli scritti profetici, e delle parabole nei Vangeli, e di innumerevoli altre cose, che furono mai narrate o attuate con un significato. [Origene, Contro Celso, Libro 1, Cap. 9 (MG 11, 672)]