All Tweets
Precedente:
Seguente:
Hollands landschap met tulpen en een molen

1.6 È possibile trovare Dio nella natura e nel mondo?

Creazione o coincidenza?

Se guardi attentamente alla natura, troverai che tutto è magnificamente coordinato e si incastra meravigliosamente. Non sembra improbabile che tutto questo sia venuto all’esistenza per pura coincidenza? Nessuna teoria sull’origine della vita e dell’universo è completa senza una mente o un Creatore dietro tutto ciò. Chiamiamo questa mente Dio.

Proprio come un artista, Dio rivela qualcosa di se stesso nella natura, precisamente che esiste e che ha creato il mondo (chiamiamo questo rivelazione naturale). Il messaggio principale della fede è che Dio ha creato il mondo per amore per gli esseri umani.

> Leggi di più nel libro

Come un artista, Dio rivela qualcosa di sé nella sua creazione. Certamente l’ordine e la bellezza che vediamo non esistono per caso.

La saggezza della Chiesa

Come si può conoscere Dio con la sola luce della ragione?

Partendo dalla creazione, cioè dal mondo e dalla persona umana, l'uomo, con la sola ragione, può con certezza conoscere Dio come origine e fine dell'universo e come sommo bene, verità e bellezza infinita. [CCCC 3]

Possiamo conoscere l’esistenza di Dio con la nostra ragione?

Sì. La ragione umana può conoscere Dio con certezza.

Il mondo non può avere la sua origine e la sua destinazione in se stesso. In tutto quello che esiste, c’è più di quanto vediamo. L’ordine, la bellezza, e lo sviluppo del mondo indicano al di là di se stessi verso Dio. Ogni uomo è ricettivo  verso ciò che è vero, buono e bello. Egli sente dentro di sé la voce della coscienza, che lo spinge verso quello che è buono e lo mette in guardia verso ciò che è male.  Chiunque segue questo cammino ragionevolmente trova Dio. [Youcat 4]

La parola dei Padri della Chiesa

E così, come creatore di questo mondo che si offre al nostro sguardo in cielo e sulla terra, Dio era noto a tutte le genti, anche prima che abbracciassero la fede di Cristo. [S. Agostino, Commento al Vangelo di Giovanni, Omelia 106, 4 (ML 35, 1910)]