All Tweets
Precedente:
Seguente:

2.11 Quali sono le origini della Chiesa? Come ha avuto inizio?

Le origini della Chiesa

Gesù riunì i primi Apostoli e così istituì la Chiesa. I nostri attuali vescovi e il Papa sono i successori degli Apostoli. Fin dall’inizio gli Apostoli delegarono compiti ai vescovi. La Chiesa è formata dai vescovi insieme a tutti gli altri fedeli.

Nella comunità della Chiesa impariamo a vivere insieme e a pregare nel modo giusto. In questo modo ci prepariamo a vivere insieme a Dio in paradiso. Parlando del Vangelo è data l’opportunità anche ad altre persone di unirsi alla comunità, e così arrivare più vicini a Dio.

> Leggi di più nel libro

Gesù ha istituito la Chiesa per riunire intorno a sé tutto il mondo e tramite lui al Padre. Questo è iniziato anche prima della Creazione.

La saggezza della Chiesa

Cosa significa “Chiesa”?

La parola greca per Chiesa è “ekklesia” = coloro che sono convocati. Tutti quelli che sono battezzati e credono in Dio sono convocati dal Signore. Insieme siamo la Chiesa. Cristo, come dice Paolo, è il capo della Chiesa. Noi siamo il suo corpo.

Quando riceviamo i sacramenti e ascoltiamo la Parola di Dio, Cristo è in noi e noi siamo in lui – questa è la Chiesa. L’intima comunione di vita con Gesù che è condivisa personalmente da tutti i battezzati è descritta nella Sacra Scrittura da un gran numero di immagini: si parla del popolo di Dio e della Sposa di Cristo; la Chiesa è chiamata Madre e anche Famiglia di Dio, oppure essa è paragonata ad un banchetto nuziale.  La Chiesa non è mai una semplice istituzione, non è mai solo la “Chiesa ufficiale” di cui potremmo fare a meno. Potremo essere turbati dagli errori e dai difetti, ma non possiamo mai allontanarcene, perché Dio ha preso la decisione irrevocabile di amarla e non l’abbandona nonostante tutti i peccati dei suoi membri. La Chiesa è la presenza di Dio tra di noi uomini. Ecco perché dobbiamo amarla. [Youcat 121]

Qual è l’origine e il compimento della Chiesa?

La Chiesa trova origine e compimento nel disegno eterno di Dio. Fu preparata nell'Antica Alleanza con l'elezione d'Israele, segno della riunione futura di tutte le nazioni. Fondata dalle parole e dalle azioni di Gesù Cristo, fu realizzata soprattutto mediante la sua morte redentrice e la sua risurrezione. Fu poi manifestata come mistero di salvezza mediante l'effusione dello Spirito Santo a Pentecoste. Avrà il suo compimento alla fine dei tempi come assemblea celeste di tutti i redenti. [CCCC 149]

Per quale scopo Dio vuole la Chiesa?

Dio vuole la Chiesa perché non desidera redimerci singolarmente, ma tutti insieme, e vuole fare di tutta l'umanità il proprio popolo.

Nessuno giunge al cielo da "individualista". Chi si concentra solo su se stesso e pensa solo alla salvezza personale della propria anima vive in maniera a-sociale. Questio è impossibile in cielo come anche sulla terra; Dio stesso non è a-sociale, non è un essere solitario e autosufficiente. Il Dio unitrino è in sé "sociale", ovvero una communione inserita in un eterno scambio di amore. In base al modello divino anche l'uomo è orientato alla relazione, allo scambio, alla partecipazione e all'amore. Noi siamo responsabili l'uno dell'altro.

La parola dei Padri della Chiesa

Gli apostoli hannpo ricevuto il Vangelo per noi da parte del Signore Gesù Cristo ......Ricevuto il mandato e pieni di certezza nella risurrezione del Signore nostro Gesù Cristo e fiduciosi nella parola di Dio con l'assicurazione dello Spirito Santo, andarono ad annunziare che il regno di Dio stava per venire. Predicavano per le campagne e le città e costituivano le primizie del loro lavoro apostolico, provandole nello spirito, nei vescovi e nei diaconi dei futuri fedeli. [S. Clemente di Roma, Lettera ai Corinzi, cap. 42 (MG I, 292)]

La parola del Papa

La salvezza, che è sempre dono dello Spirito, esige la collaborazione dell'uomo per salvare sia se stesso che gli altri. Così ha voluto Dio, e per questo ha stabilito e coinvolto la chiesa nel piano della salvezza. [Papa Giovanni Paolo II, Redemptoris Missio, n. 9]