All Tweets
Precedente:
Seguente:
lolly's met afbeelding van paus

2.2 Com’è governata la Chiesa?

La Chiesa oggi

La Chiesa è governata dal Papa (che è anche il vescovo di Roma) insieme agli altri vescovi. Il Papa è il successore dell’Apostolo Pietro, che fu scelto da Gesù per guidare la Chiesa.

Gli altri vescovi sono i successori degli altri Apostoli. Un Vescovo guida una diocesi. Ogni diocesi è divisa in parrocchie, che sono guidate dai parroci o pastori.

> Leggi di più nel libro

La Chiesa è governata dal papa e i vescovi, ciascuno con la propria diocesi, divisa in parrocchie guidate dai parroci.

La saggezza della Chiesa

Perché Cristo ha istituito la gerarchia ecclesiastica?

Cristo ha istituito la gerarchia ecclesiastica con la missione di pascere il popolo di Dio nel suo nome, e per questo le ha dato autorità. Essa è formata dai ministri sacri: Vescovi, presbiteri, diaconi. Grazie al Sacramento dell'Ordine, i Vescovi e i presbiteri agiscono, nell'esercizio del loro ministero, in nome e in persona di Cristo capo; i diaconi servono il popolo di Dio nella diaconia (servizio) della parola, della liturgia, della carità. [CCCC 179]

Come si attua la dimensione collegiale del ministero ecclesiale?

Sull'esempio dei dodici Apostoli, scelti e inviati insieme da Cristo, l'unione dei membri della gerarchia ecclesiastica è al servizio della comunione di tutti i fedeli. Ogni Vescovo esercita il suo ministero, come membro del collegio episcopale, in comunione col Papa, diventando partecipe con lui della sollecitudine per la Chiesa universale. l sacerdoti esercitano il loro ministero nel presbiterio della Chiesa particolare, in comunione con il proprio Vescovo e sotto la sua guida. [CCCC 180]

Perché il ministero ecclesiale ha anche un carattere personale?

Il ministero ecclesiale ha anche un carattere personale, in quanto, in virtù del Sacramento dell'Ordine, ciascuno è responsabile davanti a Cristo, che lo ha chiamato personalmente, conferendogli la missione. [CCCC 181]

Perchè la Chiesa non è un’organizzazione democratica?

La democrazia opera sul principio che tutto il potere deriva dal popolo. Nella Chiesa, tuttavia, tutto il potere viene da Cristo. Ecco perché la Chiesa ha una struttura gerarchica. Allo stesso tempo, però, Cristo le ha anche dato una struttura collegiale.  

L’elemento gerarchico nella Chiesa consiste nel fatto che Cristo stesso è colui che agisce nella chiesa quando i ministri ordinati, per grazia di Dio, fanno o danno qualcosa che non potrebbero fare o dare da loro stessi, in altre parole, quando amministrano i sacramenti al posto di Cristo e insegnano con la sua autorità. L’elemento collegiale nella Chiesa consiste nel fatto che Cristo ha affidato l’intera fede a un gruppo di dodici apostoli, i cui successori governano la Chiesa, con il Papa, il ministero petrino, a presiedere. Considerato questo approccio collegiale, i concili sono una parte indispensabile della Chiesa. Tuttavia anche in altri organismi amministrativi della Chiesa, in sinodi e consigli, i multiformi doni dello spirito e l’universalità della Chiesa nel mondo possono essere fruttuosi. [Youcat 140]

Qual è il compito del collegio dei Vescovi?

Il collegio dei Vescovi, in comunione con il Papa e mai senza di lui, esercita anch'esso sulla Chiesa la suprema e piena potestà. [CCCC 183] 

Come i Vescovi attuano la loro missione di insegnare?

I Vescovi, in comunione con il Papa, hanno il dovere di annunziare a tutti fedelmente e con autorità il Vangelo, quali testimoni autentici della fede apostolica, rivestiti dell'autorità di Cristo. Mediante il senso soprannaturale della fede, il Popolo di Dio aderisce indefettibilmente alla fede, sotto la guida del Magistero vivente della Chiesa. [CCCC 184] 

Quando si attua l'infallibilità del Magistero?

L'infallibilità si attua quando il Romano Pontefice, in virtù della sua autorità di supremo Pastore della Chiesa, o il Collegio dei Vescovi in comunione con il Papa, soprattutto riunito in un Concilio Ecumenico, proclamano con atto definitivo una dottrina riguardante la fede o la morale, e anche quando il Papa e i Vescovi, nel loro ordinario Magistero, concordano nel proporre una dottrina come definitiva. A tali insegnamenti ogni fedele deve aderire con l'ossequio della fede. [CCCC 185] 

Come i Vescovi esercitano il ministero di santificare?

I Vescovi santificano la Chiesa dispensando la grazia di Cristo con il ministero della parola e dei sacramenti, in particolare dell'Eucaristia, e anche con la loro preghiera, il loro esempio e il loro lavoro. [CCCC 186]

Come i Vescovi esercitano la funzione di governare?

Ogni Vescovo, in quanto membro del collegio episcopale, porta collegialmente la sollecitudine per tutte le Chiese particolari e per tutta la Chiesa insieme con gli altri Vescovi uniti al Papa. Il Vescovo, cui viene affidata una Chiesa particolare, la governa con l'autorità della sacra Potestà propria, ordinaria e immediata, esercitata nel nome di Cristo, buon Pastore, in comunione con tutta la Chiesa e sotto la guida del successore di Pietro. [CCCC 187]

I vescovi possono agire e insegnare contro il Papa, o il Papa contro i vescovi?

I vescovi non possono agire ed insegnare contro il Papa, ma solo con lui. Al contrario, il Papa può prendere decisioni in casi chiaramente definiti anche senza l’approvazione dei vescovi.

Naturalmente il Papa è legato, in tutte le sue decisioni, alla fede cattolica. C’è qualcosa che assomiglia ad un senso generale della fede nella Chiesa, una convinzione fondamentale in materia di fede che è prodotta dallo Spirito Santo e presente nella Chiesa, il “buon senso” della Chiesa, per così dire, che riconosce “quello che è stato creduto da tutti sempre e dovunque” (Vincent of Lerins). [Youcat 142]

La parola dei Padri della Chiesa

Come Gesù Cristo segue il Padre, seguite tutti il vescovo e i presbiteri come gli apostoli; venerate i diaconi come la legge di Dio. [S. Ignazio di Antiochia, Lettera agli Smirnesi, Cap. 8 (MG 5, 713)]