All Tweets
Precedente:
Seguente:
getijdenboek

3.13 Cos’è la Liturgia delle Ore?

Forme di preghiera

La Liturgia delle ore è una serie di preghiere che vengono rivolte a Dio a specifiche ore del giorno, soprattutto nei monasteri. Già gli ebrei pregavano al sorgere del sole e al tramonto. A questi momenti di preghiera i cristiani aggiunsero alri momenti quotidiani di preghiera.

La Liturgia delle ore è un buon modo di dedicare ogni giorno interamente a Dio. Si può pregare la Liturgia delle ore insieme ad altri o da soli; dopo tutto, Dio c’è sempre.

> Leggi di più nel libro

La Liturgia delle Ore porta Dio nella giornata con i salmi recitati ad ore fisse. Viene pregato da preti, religiosi e forse anche da te?

La saggezza della Chiesa

Che cos’è la Liturgia delle ore?

La Liturgia delle ore  è la preghiera universale e pubblica della Chiesa. I testi biblici conducono la persona che prega sempre più in profondità nel mistero della vita di Gesù Cristo. Con essa, in tutto il mondo, ad ogni ora del gorno viene data al Dio trino la possibilità di trasformare gradualemnte coloro che pregano e anche il mondo. La Liturgia delle ore  viene pregata non solo dai sacerdoti e dai monaci. Anche molti cristiani che hanno a cuore la loro fede uniscono la loro voce alle migliaia di lode e richiesta che salgono a Dio da tutto il mondo.

Le sette “ore di preghiera” sono come un patrimonio delle preghiere della Chiesa.  Sciolgono anche la nostra lingua quando questa viene meno per la gioia, l’affanno o l’angoscia. La Liturgia delle ore ci stupisce in continuazione quando la recitiamo: una frase o un testo intero “guarda caso” si adattano in maniera precisa alla mia situazione. Dio ci ascolta, quando lo invochiamo. Ci risponde con questi testi – talvolta in maniera sorpendetemente concreta. Talvolta ci chiede però anche lunghi periodi di silenzio e di aridità, in attesa della nostra fedeltà. [Youcat 188]

Quali momenti sono più indicati per la preghiera?

Tutti i momenti sono indicati per la preghiera, ma la Chiesa propone ai fedeli ritmi destinati ad alimentare la preghiera continua: preghiere del mattino e della sera, prima e dopo i pasti; liturgia delle Ore; Eucaristia domenicale; santo Rosario; feste dell'anno liturgico. [CCCC 567]

Quando bisogna pregare?

Fin dai primi tempi I cristiani pregano almeno al mattino, all’ora dei pasti e alla sera. Chi non prega regolarmente finisce con il non pregare più.

Chi ama un’altra persona senza mai offrirle un segno del proprio amore non la ama davvero.  Lo stesso avviene con Dio. Chi lo cerca davvero gli testimonierà con dei segni quanto desidera la sua vicinanza e la sua amicizia. Alzati al mattino e offri la tua giornata a Dio, chiedendo la sua benedizione e di “essere presente” in tutti i tuoi incontri e necessità. Ringrazialo, specialmente al momento dei pasti. Alla fine del giorno, metti tutto nelle sue mani, chiedigli perdono, e prega per la pace tua e degli altri. Sarà un buon giorno – pieno di segni di vita che raggiungono Dio. [Youcat 499]

La parola del Papa

Tra le forme di preghiera che esaltano la sacra Scrittura si colloca indubbiamente la Liturgia delle Ore. I Padri sinodali hanno affermato che essa costituisce «una forma privilegiata di ascolto della Parola di Dio perché mette in contatto i fedeli con la Sacra Scrittura e con la Tradizione viva della Chiesa»..... Nella Liturgia delle Ore, come preghiera pubblica della Chiesa, si mostra l’ideale cristiano di santificazione della giornata intera, ritmata dall’ascolto della Parola di Dio e dalla preghiera dei salmi, così che ogni attività trovi il suo punto di riferimento nella lode offerta a Dio [Papa Benedetto XVI, Verbum Domini, n. 62]