All Tweets
Precedente:
Seguente:
bootje op een meer

3.8 Come posso pregare con un testo della Bibbia?

Forme di preghiera

La Bibbia contiene la Parola che Dio vuole dirti. Pregare con un testo della Scrittura diventa più facile grazie alla pratica frequente. Non solo crescerai nella fede pregando con testi che ti fanno sentir bene o ai quali puoi facilmente riferirti, ma anche pregando con testi che potresti trovare difficili da comprendere.

Usare frequentemente testi del Nuovo Testamento per la tua preghiera è una cosa positiva, perché ti aiuta a crescere nel tuo rapporto con Gesù. Cerca di entrare nel racconto, immaginare che cosa è successo, e conoscerai meglio Gesù interagendo cpn i testi.

> Leggi di più nel libro

Prenditi del tempo, leggi un versetto della Bibbia e lascia che il testo ti parli. Poi dì a Gesù qualsiasi cosa ti viene in mente.

La saggezza della Chiesa

Quali sono le sorgenti della preghiera cristiana?

La Parola di Dio, che ci dà la « sublime scienza» di Cristo (Fil 3, 8); la Liturgia della Chiesa, che annuncia, attualizza e comunica il mistero della salvezza; le virtù teologali; le situazioni quotidiane, perché in esse possiamo incontrare Dio. [CCCC 558]

Si può imparare a pregare dalla Bibbia?

La Bibbia è una sorgente inesauribile di preghiera. Pregare con la Parola di Dio significa usare per la propria preghiera le parole e i fatti contenuti nella Bibbia. “L’ignoranza della Scrittura è ignoranza di Cristo” (S. Gerolamo).

La Sacra Scrittura, specialmente i Salmi e il Nuovo Testamento, sono un tesoro prezioso, perchè contengono le più belle e più forti preghiere del mondo giudeo-cristiano. La recita di queste preghiere ci unisce con milioni di persone di ogni tipo e cultura che hanno pregato, ma soprattutto con Cristo stesso, che è presente in tutte queste preghiere. [Youcat 491]

La parola del Papa

La lettura della Sacra Scrittura dev’essere accompagnata dalla preghiera». ... Come dice sant’Agostino: «La tua preghiera è la tua parola rivolta a Dio. Quando leggi è Dio che ti parla; quando preghi sei tu che parli a Dio». Origene, uno dei maestri in questa lettura della Bibbia, sostiene che l’intelligenza delle Scritture richieda, più ancora che lo studio, l’intimità con Cristo e la preghiera. Egli raccomanda: «Dedicati alla lectio delle divine Scritture; applicati a questo con perseveranza. Impegnati nella lectio con l’intenzione di credere e di piacere a Dio. [Papa Benedetto XVI, Verbum Domini, n. 86]